3 Italia un top sponsor vincente!

21 aprile 2016

Cosa significa per un brand di telefonia essere official partner della 99esima edizione del Giro d’Italia? L’abbiamo chiesto a Stefano Piastrelli, Brand Communication and Advertising Sales Director di 3 Italia.

Da una domenica passata in bici con i colleghi egli amici, all’idea di dar vita alla più prestigiosa operazione di sponsorizzazione per il brand: è così che il colosso della telefonia mobile, 3 Italia, meglio noto come “3”, è diventato Top Sponsor di tappa della più importante competizione ciclistica nazionale. Una scelta nata dalla passione che c’è in azienda per questo sport e che si è rivelata subito vincente in termini di risultati e visibilità, conquistando immediatamente l’attenzione del pubblico, raggiunto in primis lungo il percorso della Corsa Rosa, alla partenza e all’arrivo delle 18 tappe italiane del Giro. Oltre alla massiccia presenza sul territorio (attraverso gli stand “3” presenti negli Open Village e il coinvolgimento dei 3 Store di zona), in occasione dell’evento, sono stati realizzati un concorso, un’App dedicata e tante altre iniziative di cui abbiamo voluto parlare con il Direttore di “3”, Stefano Piastrelli, il quale ci ha fatto scoprire che, in fondo, il mondo della telefonia e quello del ciclismo non sono poi così distanti…MAG 18 Ok Digital Montato.indbCi racconti com’è nata l’idea di diventare sponsor del Giro d’Italia e cosa ha significato per l’azienda il progetto di sponsorizzazione. In azienda siamo appassionati di ciclismo! L’idea è nata lo scorso autunno, una domenica in bici, con un gruppetto di amici, il nostro Amministratore Delegato Vincenzo Novari e l’ex-campionessa italiana di ciclismo Valentina Recanati: ci siamo detti perché non sponsorizzare il lancio di “Casa3”, la nostra offerta Internet veloce con wi-fi a casa, per mezzo di un evento popolare, una vetrina importante come quella rappresentata dal Giro d’Italia? “Casa3” è infatti un servizio per le famiglie, utile soprattutto nelle aree con scarsa diffusione dell’ADSL… così, con la carovana del Giro, abbiamo attraversato l’Italia e fatto provare sul campo il prodotto ai numerosissimi appassionati di ciclismo proprio durante il lancio commerciale.

Cosa vuol dire essere Top Sponsor di tappa e che visibilità ha avuto il brand grazie a questa operazione? La sponsorizzazione del Giro d’Italia ci ha portato un’enorme visibilità, sia in tv con la presenza del brand su tutto il percorso di gara, sia sul territorio con circa 12 milioni di spettatori lungo le strade. Il tutto supportato dalla campagna tv dedicata, dal concorso per clienti e prospect, e dalle attività promozionali sul territorio che hanno contribuito a dare una visibilità del brand a 360 gradi.

In cosa si è tradotta la presenza del brand sul territorio nelle località toccate dal Giro? Abbiamo coinvolto più di tremila 3 Store con il concorso “In Giro con 3”, dedicato a clienti e prospect, che metteva in palio ricchissimi premi come la bici del vincitore del Giro d’Italia, 150 biciclette Pinarello (Full Carbon Raza e City Bike), 360 pass per assistere all’evento dalla tribuna Vip di “3” e 36 Vip Experience per assistere alle tappe su un’auto ammiraglia o dall’elicottero. Ovviamente la risposta degli italiani all’iniziativa è stata entusiasta.

Quali aspettative aveva 3 Italia in merito all’attività di sponsorizzazione? L’obiettivo era duplice: da un lato dare una caratterizzazione di qualità e – al contempo – di elevata visibilità e awareness del prodotto “Casa3”; dall’altro avevamo l’esigenza di avvicinarci quanto più possibile alle persone in modo che potessero toccare con mano e provare il nostro prodotto negli Open Village di ciascuna tappa.

Sono stati raggiunti gli obiettivi prefissati? Sì, non solo abbiamo raggiunto gli obiettivi che ci eravamo prefissati, ma li abbiamo nettamente superati: nel mese di maggio abbiamo infatti registrato un record storico per quanto concerne il numero di attivazioni di nuovi clienti. Posso tranquillamente dire che la sponsorizzazione del Giro d’Italia ha rappresentato un’operazione di successo per “3”.

Quali sono stati i punti di forza di questa operazione? I punti di forza sono stati molteplici: innanzitutto la progettualità e quindi la qualità del lavoro svolto per realizzare un’operazione di queste dimensioni; la professionalità e la passione profusi da tutti i colleghi che hanno lavorato all’iniziativa; la capillarità della nostra rete vendita che ha permesso di presidiare al meglio tutte le aree attraversate dal Giro e l’engagement generato dalle iniziative legate alla sponsorizzazione. In tal senso, un contributo non indifferente è arrivato anche da Vincenzo Nibali, la cui popolarità l’ha portato a vincere in maniera schiacciante anche la classifica del “Ciclista del Cuore” di “3”, dando così ulteriore visibilità al nostro brand. Poi, l’entusiasmo degli italiani per il Giro e quello dei comuni attraversati dalle tappe della Corsa hanno completato l’opera. Non esiste un evento così capillare e seguito come il Giro d’Italia.

Dallo studio di un logo dedicato, al concorso per i consumatori: quali sono, nel dettaglio, le operazioni e le iniziative speciali studiate per l’occasione da 3 Italia? Diciamo che la decisione di sponsorizzare il Giro con il logo di un prodotto e non con il brand istituzionale è stata per noi una sfida e, più in generale, una scelta fuori dal comune per una telco. Sfida che però abbiamo vinto, perché il Giro d’Italia ci ha permesso in brevissimo tempo di raggiungere una awareness elevata di “Casa3”. Poi, le attività di promozione sul territorio e la massiccia campagna tv hanno contribuito al successo dell’iniziativa e ad associare il prodotto “Casa3” al brand “3”. Per coinvolgere attivamente il maggior numero di persone abbiamo avviato diverse attività, a cominciare dai concorsi “In Giro con 3” e “Scatta la Bici” per mezzo dei quali – grazie alla collaborazione con Pinarello e Huawei – abbiamo premiato più di 500 clienti con biciclette e smartphone di ultima generazione. Infine, grazie alla App “Giro Casa 3” abbiamo coinvolto decine di migliaia di appassionati che hanno postato foto e votato il loro “Ciclista del Cuore”.

Su quali mezzi avete investito maggiormente per comunicare le attività legate alla sponsorizzazione? Abbiamo investito in tv e sui social media in Internet. Non poteva però mancare la Gazzetta dello Sport, il vero punto di riferimento per gli appassionati del Giro.

Ci racconti di “Foodieteller” e del viaggio in Giro per l’Italia che è andato in onda su La3. Grazie a La3, la nostra tv multipiattaforma (in onda sul canale 163 di Sky, sul 134 del digitale terrestre, su www.la3tv.it, smartphone, tablet e Smart TV) con “Foodieteller – in Giro per l’Italia” abbiamo raccontato il Giro d’Italia 2016 da un punto di vista differente: quello delle tradizioni e – soprattutto – della cucina dei luoghi attraversati dalla Corsa Rosa. Il food-writer Carlo Spinelli e l’ex-campionessa italiana di ciclismo Valentina Recanati, conduttori dello speciale “Foodieteller – in Giro per l’Italia”, hanno accompagnato gli spettatori lungo le tappe, alla ricerca di chef stellati, ristoranti gourmet e piatti prelibati, per svelare le proposte culinarie migliori della penisola. Persino Ligabue si è recato in uno dei ristoranti gourmet “raccomandati” da Foodeiteller.

Com’è stata la risposta del pubblico nei confronti delle attività previste? C’è stato un buon seguito anche sui canali Social? Come dicevamo, il pubblico ha risposto molto positivamente: sia in termini di engagement, con circa 200.000 partecipanti ai concorsi organizzati da “3” e decine di migliaia di visitatori nell’Open Village, sia in termini di attivazioni dell’offerta “Casa3” con il record storico stabilito a maggio. Anche sui social il seguito è stato considerevole, in particolare sulle nostre pagine Facebook e Instagram, soprattutto con l’iniziativa legata al “Ciclista del Cuore”. Ha riscosso grande interesse anche la versione remixata dello spot tv di “Casa3”, uno spot del tutto particolare, realizzato per gioco da un giovane dipendente di 3 Italia, che l’azienda ha deciso di premiare mandandolo in tv in alternanza con lo spot originale.MAG 18 Ok Digital Montato.indb

Qual è stata l’iniziativa che ha riscosso maggior successo? Il format “Ciclista del Cuore” è stato sicuramente il più apprezzato dal pubblico che ha potuto votare attraverso la nostra App “Giro Casa 3” il ciclista più coraggioso e combattivo di ogni tappa. C’è stata un grande coinvolgimento da parte degli appassionati al Giro che hanno partecipato all’estrazione di fantastici smartphone Huawei P9. Per la cronaca, tanto per cambiare, la classifica finale del “Ciclista del Cuore” ha visto trionfare Vincenzo Nibali.

Secondo lei come mai Vincenzo Nibali è stato il più votato dal pubblico? Vincenzo Nibali è un vero fuoriclasse. È coraggioso, determinato ma allo stesso tempo è una persona umile.

Un brand di telefonia associato alla più importante competizione ciclistica nazionale: quali sono i valori che accomunano i due mondi? I valori del Giro, e più in generale del ciclismo, sono il sacrificio, la passione, il gioco di squadra, e la vicinanza alle persone e al territorio. Gli stessi valori in cui si riconosce 3 Italia.

A suo avviso, la tappa più emozionante della Corsa Rosa? Per me le tappe più emozionanti sono state due: la Pinerolo-Risoul dove Nibali ha staccato in discesa tutti i concorrenti recuperando 4 minuti di ritardo in classifica. E poi la tappa successiva, la Guillestre-Sant’Anna di Vinadio, dove Nibali ha conquistato la maglia rosa vincendo di fatto il Giro d’Italia. Due tappe da antologia!

Dopo questa prestigiosa sponsorizzazione, avete in programma qualche altra attività analoga? Al momento no, è difficile replicare il successo e la visibilità che può dare il Giro d’Italia. Però rimaniamo vigili e ci guardiamo attorno.

Qual è la realtà di 3 Italia oggi? Quali sono i valori e quale filosofia ispirano la vostra azienda? Innanzitutto l’innovazione, che ci ha contraddistinto sin dall’inizio della nostra storia, il coraggio e la passione per quel che facciamo, così come la trasparenza. La filosofia che perseguiamo e che ci contraddistingue è quella che definiamo del “value for money”, ossia offrire ai clienti il massimo valore in termini di prezzo, servizi e tecnologia.

MAG 18 Ok Digital Montato.indbAbbiamo anche qualche curiosità su di lei… È un appassionato di sport? Sì, pratico abitualmente ciclismo, sci e calcio.

Il suo sportivo preferito. Valentino Rossi, il “Vale” nazionale, un personaggio sempre in grado di stupire fino all’ultima curva!

Usa la bicicletta o il ciclismo preferisce seguirlo da spettatore? Mi piace seguire il ciclismo in tv anche se preferisco praticarlo: scalare una vetta riempie sempre di gioia e regala una soddisfazione immensa.

Se si può dire… per chi ha fatto il tifo durante il Giro? All’inizio del Giro ho tifato per il giovane Berlato, mi aveva conquistato. Poi la classe e la potenza di Nibali hanno avuto il sopravvento!

La “tappa” più importante della sua carriera? Sono molto soddisfatto del mio percorso professionale ed ogni tappa raggiunta è stata importante per arrivare dove sono adesso. Ma se devo pensare ad un moneto che non scorderò mai, questo è sicuramente la nascita di mia figlia Silvia.

Se fosse un ciclista sarebbe… e perché? Penso a Felice Gimondi, un uomo ecclettico in grado di tenere il passo in salita e nelle volate, capace di competere con il fortissimo Eddy Merckx.

Che rapporto ha con il suo smartphone? Qual è il numero di telefono che chiama più spesso? Lo smartphone è uno strumento che ha rivoluzionato il modo di vivere il nostro quotidiano e il nostro modo di comunicare. E noi di “3” siamo stati fra i primi artefici di questa rivoluzione. Chiamate ed sms? Roba vecchia, WhatsApp ha avuto il sopravvento… e poi, tutte le attività, i momenti principali della nostra vita privata e lavorativa, ormai li gestiamo dallo smartphone. Senza non potremmo più stare… ma va bene così, almeno per quanto mi riguarda… la tecnologia mi piace, non potrebbe essere altrimenti vista l’azienda per la quale lavoro.

Tecnologico da 1 a 10… Direi 8, non si può sapere tutto…

Chi è Stefano Piastrelli in 3 parole?   Una persona positiva, aperta e curiosa.